Dimebag muore, vittima di un folle gesto


A cura di josie, Domenica, 12 dicembre 2004


[i]Ci sembra doveroso, nonostante non sia materia di nostra specifica competenza, fare spazio alla strage di Columbus (Ohio) di qualche giorno fa, circostanza in cui ha tragicamente perso la vita [b]Darrell "Dimebag" Abbott[/b]. Come non ricordare Dimebag, gran protagonista della storia del trash metal insieme al fratello Vinnie Paul nei Pantera. Come non ricordare un Dimebag che, dopo lo scioglimento della storica band capitanata da Phil Anselmo decide di proseguire con i Damageplan, sempre lesto e agguerrito. Come non ricordare un Dimebag che, in una sera come tante altre, faceva il suo spettacolo con la sua fedele elettrica in mano. Come non riflettere del folle atto e della società odierna. Come non riflettere sugli squilibrati che riescono a commettere dei gesti così scellerati ancora oggi, 2004, nel mondo "perfetto", quel sottile velo dietro a cui si cela un incalzante disagio sociale.

Troublezine intende ripercorrere grazie a fonti esterne il momento della sparatoria, senza voler tirare conclusioni azzardate ma desiderando che chi legge, riesca a formarsi un'idea ed a rendere la giusta memoria ad un uomo come tanti altri, vittima di un incidente neanche tanto imprevedibile.

[url=www.damageplan.com ]www.damageplan.com [/url] è attualmente chiuso. Potete visitare il sito ufficiale dei fan, [url=www.damageplan.net]QUI[/url].
Per ulteriori testimonianze verbali e video, invece, visitate il sito web della band Pantera: [url=www.pantera.com]QUI [/url].[/i]



"Qualche giorno fa parlavamo degli evidenti legami fra il mondo dell'horror e quello del porno, ricordate? Che dire allora dell'interscambio che è da sempre la regola fra la musica metal e il weird,il macabro, il soprannaturale? Front man quali Ozzy Osbourne o Alice Cooper e gruppi quali i Kiss, attraverso differenti vie d'espressione, hanno sempre veicolato alle masse dei loro fan un intenso immaginario horror e anche alcune canzoni degli ormai disciolti Pantera possono essere collegate bene o male al nostro genere preferito. Chiunque fra i nostri lettori abbia mai ascoltato la potente band texana non potrà che ricordare con piacere titoli quali "Cemetery Gates", "Cowboys from Hell", "Mouth for war" o "By demons be driven".
La combo dei fratelli Abbott, Vinnie Paul e Darrell, si era sciolta poco tempo fa dopo ben 13 anni di onorata carriera, ma i due avevano subito formato i Damageplan, pronti a versare altro piombo fuso sulla testa di qualsiasi headbanger che si rispetti.
Purtroppo qualcuno giovedì scorso ha pensato di poter interrompere lo show: un ragazzo di 25 anni è entrato armato nell'Alrosa Villa club a Columbus, nell'Ohio, e, appena il buon Darrell "Dimebag" Abbott ha imbracciato la sua ascia per le prime note del concerto, è salito sul palco e ha aperto il fuoco sul chitarrista, uccidendolo sul colpo. Non contento ha sparato poi contro altre persone, uccidendone quattro e ferendone una quinta.
L'intervento della polizia è stato rapido ed efficace: l'aggressore è stato colpito a morte prima che potesse mietere nuove vittime. Al momento non si conosce nulla circa le motivazioni del killer, tale Nathan Gale.

Darrell Lance Abbott ci lascia a soli 38 anni ma rimarrà per sempre nella memoria dei fan grazie a una manciata di riff di rara potenza e muscolarità. Il miglior modo per ricordarlo è mettere sul vostro lettore cd un qualsiasi lavoro dei Pantera, magari proprio quel [i]"Vulgar display of power"[/i] che Nathan Gale ha in pratica espresso con il suo folle gesto. Respect, walk!" [i](horrormagazine.it)[/i]


"Secondo la ricostruzione fatta dai testimoni e dalle forze dell'ordine, Nathan Gale, 25 anni, e' balzato sul palcoscenico e ha preso di mira per primo proprio Abbott. In un primo tempo gli spettatori hanno pensato a una messa in scena, parte del concerto, ma quando Gale ha aperto il fuoco contro i 200 dell'Alrosa Villa club si e' scatenato il panico. L'aggressore ha sparato sedici colpi e ucciso un altro membro della band oltre ad Abbott, prima di essere colpito a morte." [i](agi.it)[/i]


"Il chitarrista Dimebag Darrel è stato ferito con un'arma da fuoco ed è morto, come il capo della security della band, [b]Jeffrey "Mayhem" Thompson[/b], un dipendente del club, [b]Erin Halk[/b], ed un giovane spettatore, [b]Nathan Bray[/b]. [b]Chris Paluska[/b], un membro del management della band lì nel ruolo di assistente, è stato ferito ed ora si trova in gravi ma stabili condizioni. Anche [b]John "Kat" Brooks[/b], tecnico della batteria dei Damageplan, ha ricevuto una bella pallottola, ma fortunatamente sta bene ed è già stato mandato a casa dall'ospedale." [i](pantera.com)[/i]


"E' successo tutto in un attimo, in un nightclub affollato di Columbus, nello stato americano dell'Ohio. Un uomo con una pistola in pugno è salito sul palco e ha cominciato a sparare sulla band che stava suonando e sul pubblico, uccidendo il noto artista del genere heavy metal "Dimebag" Darrell Abbott e altre tre persone prima di essere a sua volta colpito a morte da un poliziotto." (...) "Secondo i testimoni ascoltati dalle forze dell'ordine, i Damageplan avevano appena iniziato a suonare le prime note della prima canzone in scaletta nel loro concerto all'Alrosa Villa Club, quando Gale ha sparato cinque o sei volte contro Darrell Abbott." [i](City, n°213 - Venerdì 10/12/2004)[/i]


"Misterioso il movente, ammesso che esista. La polizia di Columbus dice di non aver scovato alcun nesso tra il giovane e Abbot, o i Damageplan. L'unica, debolissima traccia è il doloroso scioglimento dei Pantera, nel 2003 alla fine di un tour, dopo aver lasciato un solco profondo nel metal degli anni Novanta." (...) "Uccidere Dimebag potrebbe dunque essere l'esito perverso del ragionamento di un fan ferito dallo scioglimento. Ipotesi comunque debolissima. Anche perché nessuno al momento può affermare con certezza che Nathan Gale fosse in realtà un fan.
Dalla sera di mercoledi la polizia sta interrogando tutti i presenti all'Alrosa Villa, nella segreta speranza di trovare anche un solo filmato amatoriale che possa offrire qualche spunto in più alle indagini. Ma [i]"a meno che Nathan Gale non abbia lasciato da qualche parte una lettera per spiegare le sue ragioni, potremmo non conoscerle mai"[/i] ha ammesso un portavoce della polizia.
Quanto all'agente [b]Niggemeyer[/b], se ne parla come di un nuovo eroe consegnato alla comunità. [i]"Abbiamo ricevuto la chiamata dal club alle 22:18[/i] - racconta il sergente Brent Mull - [i]James era in zona e alle 22:20 era già dentro. E' stato eccezionale nel riuscire ad abbattere l'aggressore prima che potesse uccidere anche l'ostaggio, cosa che sembrava seriamente intenzionato a fare. Niggemeyer è entrato nel club da solo, senza nessuno che gli guardasse le spalle. Ha salvato di sicuro delle vite"[/]." [i](di Paolo Gallori - Venerdì 10/12/2004)[/i]





"With all his greatness and accomplishments on the guitar, Dime will be missed more for his giving personality, charisma, caring for others, love and most of all his HEART!! Twice as big as the state of TEXAS!!!!!!!!!!!! Dime gave it all every day to each and every one of us and our lives have forever been hollowed without him...Thanks to all of you for reaching out to us in this time of our immeasurable loss. REST IN PEACE BROTHER DIME!!!!!!" [i](Vinnie Paul Abbott, fratello - pantera.com)[/i]



"Dimebag was a dear friend of mine. I'm absolutely beside myself with grief. I can't for the life of me understand why someone would do this. PANTERA toured with me many, many times. I'll always remember the signed guitar that he gave me at my 50th birthday party. My heart goes out to Dime's family, his fans and the other innocent victims who were killed in this senseless tragedy. It's just terribly, terribly sad." [i](Ozzy Osbourne - pantera.com)[/i]



â??Dime, non dimenticherò mai tutte le volte che mi hai fatto ridere. Sono così contento di aver passato di recente alcuni giorni con te a Londra. Dovremmo riuscire a vivere le nostre vite in modo completo, come la tua. Mancherà moltissimo a me e a tutti noi. Questo è un giorno tristeâ? [i](Nikki Sixx, Motley Crue - rockstar.it)[/i]



"Le parole non possono esprimere questo dolore. E' una tragedia enorme per il mondo musicale� [i](Jon Dette, ex-Slayer, Testament - rockstar.it) [/i]


Contenuti correlati